Scalping per tradare ad aprile

Scalping trading

Tradare ad aprile attraverso lo scalping

In questo mese di aprile e nei mesi a seguire, il trading è e sarà molto proficuo per tutti coloro che si cimentano a farlo, in quanto il mercato difficilmente presenta o presenterà escursioni di grande volatilità. Pertanto, anche i meno esperti, potranno beneficiare di questo ramo di attività senza grandi rischi.

Ovvio come bisognerà sempre preservare i requisiti fondamentali per operare: disciplina, conoscenza del singolo strumento tradato, seria piattaforma di contrattazione, strategia di riferimento scrupolosamente osservata, regole operative, calcolo del rischio.

Con questi requisiti disponibili si potrà anche approcciare il trading con la tecnica dello scalping: essa consiste in operazioni veloci e ripetute più volte nel corso della giornata, tese a cogliere tanti piccoli profitti nel minor tempo possibile; questa tecnica, se utilizzata correttamente, consente una speculazione veloce sui mercati finanziari e andrebbe a minimizzare il rischio grazie al controllo elevato, assicurando quindi transazioni e guadagni costanti.

Questa tecnica trasversale coinvolge diverse metodologie d’analisi e non necessita di una conoscenza approfondita dell’analisi tecnica tradizionale poiché non si fanno previsioni e non si lasciano aperte le posizione in overnight. Sono indispensabili la velocità e la freddezza.

Difatti, la velocità è un punto essenziale per il lancio degli ordini e la freddezza necessaria per il calcolo delle chiusure soprattutto quelle in perdita.

Con lo scalping si può approcciare la maggior parte degli strumenti finanziari, meno quelli con uno spread alto. Infatti uno spread alto restringe o annulla la possibilità di prendere i piccoli movimenti.

L’approccio si mostra favorevole anche con mercati molto piatti e laterale, nel senso che si abbassa sensibilmente il rischio di perdite oltre la media: l’operazione veloce deve avere sempre un chiaro obiettivo di profitto o perdita che sarà commisurato appunto alla volatilità.

Lascia un Commento